TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI

30 apr 2014 - Categoria: I.U.C. / TASI

TASI 2017

SONO CONFERMATE LE ALIQUOTE 2016

  ACCONTO TASI 2017 (35,3 KiB, 123 download)

  SALDO TASI 2017 (35,9 KiB, 8 download)

TASI 2016

L’art. 1, comma 10, della legge n. 208 del 2015 ha inserito, nel comma 3 dell’art. 13 del D. L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, la lett. 0a) che prevede un ulteriore caso di riduzione della base imponibile dell’IMU

«0a) per le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che il contratto sia registrato e che il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui e’ situato l’immobile concesso in comodato; il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante oltre all’immobile concesso in comodato possieda nello stesso comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9; ai fini dell’applicazione delle disposizioni della presente lettera, il soggetto passivo attesta il possesso dei suddetti requisiti nel modello di dichiarazione di cui all’articolo 9, comma 6, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23”

Risoluzione n. 1/DF del 17.02.2016

Le disposizioni di cui alla lett. 0a) e le relative considerazioni che si vanno ad effettuare, si applicano anche alla TASI, dal momento che, ai sensi del comma 675 dell’art. 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147, la base imponibile della TASI è la stessa dell’IMU.

PER L’ANNO 2016 SONO CONFERMATE LE ALIQUOTE APPROVATE CON DELIBERAZIONE DI C.C. N.22 DEL 29/07/2015.

SCADENZE E MODALITA’ DI PAGAMENTO:

-          prima rata Tasi al 16 giugno (L’acconto deve essere pari al 50% dell’imposta dovuta)

-          saldo Tasi al 16 dicembre

Il versamento deve essere effettuato solo con F24 o bollettino postale centralizzato. Importo minimo €10,00.

Ai sensi dell’art. 33 del vigente regolamento IUC “Nel caso in cui l’unità immobiliare è occupata da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale sulla stessa, quest’ultimo e l’occupante sono titolari di un’autonoma obbligazione tributaria. In tale ipotesi l’occupante sarà tenuto al versamento della TASI nella misura del 25%, mentre il titolare del diritto reale sull’immobile della restante quota del tributo. In caso di una pluralità di titolari di diritti reali sull’immobile o di detentori, sorgono due distinte obbligazioni tributarie, una in capo ai primi ed una in capo ai secondi, ciascuna al suo interno di natura solidale.”

  CODICI TRIBUTO TASI (53,1 KiB, 1.046 download)

  ALIQUOTE TASI 2015 (140,8 KiB, 663 download)

  AGEVOLAZIONI PENSIONATI AIRE (86,4 KiB, 277 download)

  MODELLO RIMBORSO TASI (26,1 KiB, 205 download)

CALCOLO IUC 2017

SEZIONE IN AGGIORNAMENTO



top